TOP

“Ministero della Difesa” – CARPE DIEM – COGLIAMO L’ATTIMO FUGGENTE…

login-logo

 

“Ministero della Difesa”

CARPE DIEM

COGLIAMO L’ATTIMO FUGGENTE…

Prendiamo atto con soddisfazione che finalmente le OO.SS. Nazionali concordano sulla rigidità del CCNL e dell’Ordinamento Professionale, per quanto riguarda il personale civile della difesa.

Tali rigidità, appaiono molto più evidenti se pensiamo all’adozione della performance. Infatti, come dichiarato dalla Federazione Intesa FP al ministro Pinotti nell’ultimo incontro, tale provvedimento non risulta ne consono ne di semplice attuazione, stante le funzioni, l’organizzazione e l’impiego dei lavoratori della difesa, che rispondono a peculiari esigenze dell’amministrazione diversamente da quanto attualmente previsto dal sopracitato CCNL ed Ordinamento professionale (Nuovo Sistema di Classificazione).Continua la lettura sul sito

FLASH 2016 01 26 n 3 carpe diem

Saluti Giovanni Orefice.

Read More
TOP

“Concorsi Pubblici”

download  login-logo

 

Offerte di Lavoro e Bandi di Concorso della Settimana [3_16]

Nuovi Concorsi Pubblici [4_16]

Saluti Giovanni Orefice.

Read More
TOP

“Concorsi Pubblici”

download login-logo

 

Newsletter di Concorsi_it (N_ 19-15)

Offerte di Lavoro e Bandi di Concorso della Settimana [22_15]

Saluti Giovanni Orefice.

Read More
TOP

Ministero della Difesa – FUA 2015

login-logo 30315_sedepersociv

Coordinamento Nazionale Difesa

  FUA 2015

 Il 21 gennaio 2016, ennesimo incontro a Persociv per discutere l’ipotesi di accordo sul FUA 2015.

La dott.ssa Corrado ci ha confermato che l’Amministrazione, facendo seguito al precedente incontro del 12 gennaio u.s., ha sposato totalmente la nostra proposta di non attivare procedure di riqualificazione per le sole 1095 unità possibili a norma del DM sugli organici e, accogliendo quanto andavamo suggerendo da mesi, si è attivata per procedere a quelle modifiche del DM che permetteranno di conteggiare il numero delle riqualificazioni non più per fasce ma per aree, consentendo, già per il 2016, un numero di progressioni ben più elevato delle 1095 proposte fino a ieri. Non possiamo che essere soddisfatti per questo concreto, seppur tardivo, risultato.

Continua la lettura sul sito

FLASH 2016.01.21 n.2 Persociv incontro FUA 2015

21 Gen. 2016 – Il nuovo dettaglio delle somme

21 Gen. 2016 Integrazioni bozza ipotesi di accordo FUA 2015

Saluti Giovanni Orefice.

 

Read More
TOP

Ministero del Lavoro – Coordinamento Nazionale

login-logo

Coordinamento Nazionale Lavoro
Via B. Eustachio, 22 – 00161 Roma
lavoro@federazioneintesa.it 

TUTTO PUO’ CAMBIARE…

All’inizio del nuovo anno sotto il tiro della solita non “riforma” – non “riorganizzazione” – non rinnovo del contratto del pubblico impiego, la cosa da capire è cosa può e “deve” cambiare.

Tre i fattori determinanti

-  Il sindacato che deve assolutamente riprendere il suo ruolo naturale di rappresentante delle esigenze del personale.

-  Il personale che deve riacquistare il senso di appartenenza ad un gruppo sociale indipendentemente dall’interesse   personale diretto del momento. Perché comunque una cosa è certa: qualunque posizione potrà prendere il sindacato non porterà a niente se non è sostenuto dalla partecipazione attiva della base.

-  La bassissima forza contrattuale del personale dei Ministeri, a differenza di altre categorie del nostro stesso Comparto del Pubblico impiego, come la scuola, la sanità, ed i dirigenti, che invece hanno sicuramente una forza maggiore capace di indirizzare le decisioni del governo

Questo è dovuto sia dal tipo di lavoro svolto nei Ministeri che nel 90% dei casi è “fungibile” in tutto o in parte, sia dallo scarso senso di appartenenza alla categoria che ci porta ad essere “attenti ciascuno per il suo”, sia alla demonizzazione del pubblico dipendente creata ad arte dai vari Governi per poi tagliare risorse col consenso della opinione pubblica.

Eh allora direte voi a che serve il sindacato?

Facciamoci una domanda diversa: perché nel privato sono tutti sindacalizzati?

Se fosse solo un problema di categoria o di relazioni sindacali nel privato, dove il datore di lavoro è veramente il “padrone”, la situazione dovrebbe essere ancora peggiore.

La risposta che potremmo darci è che nel pubblico impiego il sindacato non rappresenta più la base, e la base ha smesso di pretendere dal sindacato la rappresentanza dei suoi diritti. Magari con la convinzione che comunque qualcun altro ci penserà e che se non si ottiene nulla comunque la colpa è degli altri

MA GLI ALTRI CHI????

E’ da qui che dobbiamo ripartire.

Ipotizziamo di poter iniziare un percorso tutti insieme sulla base di una proposta cornice da discutere, integrare, modificare nelle assemblee del personale dei nostri Uffici: lavoratori e sindacati tutti per arrivare a dei contenuti concreti iniziando, parallelamente alle proteste nazionali a cui ciascuno aderirà in relazione alle proprie convinzioni sindacali, un percorso di Amministrazione.

A titolo indicativo ecco le proposte scaturite dall’Assemblea, convocata unitariamente da CGIL-CISL-UIL-INTESA F.P., del personale della DTL di Roma del 23 novembre 2015 :

1)     Organizzare una protesta”propositiva” per dimostrare che il fannullone per definizione non si identifica con il pubblico dipendente

2)     Formalizzare le criticità del sistema di valutazione del Ministero del Lavoro a cominciare dal fatto che gli obiettivi degli uffici   altro non sono che la sommatoria algebrica degli obiettivi individuali dei singoli dipendenti.

3)     Individuare servizi che abbiamo rilevanza esterna ed organizzare uno sciopero di quei servizi in tutte le DTL e Uffici dell’Amministrazione Centrale in una unica giornata.

 Un piccolo spunto di riflessione a tutti voi…

FLASH 2016 N 1 – TUTTO PUO CAMBIARE.compressed (1)

Il Coordinatore Nazionale

Nicoletta Morgia

Saluti Giovanni Orefice.

Read More
TOP

REPLICA ALLA TRASMISSIONE “L’ARENA ” del 17 Gennaio 2016

 login-logo

REPLICA ALLA TRASMISSIONE

“L’ARENA ”

del 17 GENNAIO 2016 del Segretario Generale della Federazione Intesa F.P.

Claudia RATTI 

Roma, 19 gennaio ’16

Dott. Giletti,

 On. Brunetta,

ho avuto occasione di ascoltare la trasmissione “L’ARENA” del 17 gennaio 2016 e, pur valutando che trattandosi di una trasmissione televisiva ha necessità di aumentare gli indici ascolto, non posso fare a meno di scrivere a nome della Federazione che, mi preme sottolineare, è maggiormente rappresentativa nel Comparto Ministeri.

Siamo fermamente convinti che la stragrande maggioranza dei dipendenti pubblici lavorano con nobile spirito di servizio rispettando leggi e contratti.

Siamo altrettanto convinti che tra i dipendenti pubblici c’è una minoranza che non rispetta leggi e contratti, che timbra ed esce, che percepisce indebiti buoni pasto, che usa giorni di assistenza ai disabili per usi “diversi”, ecc. ecc. . Non comprendiamo perché a causa di questa minoranza si debba fare una campagna denigratoria contro tutti i dipendenti pubblici che non solo fanno il proprio lavoro ma anche il lavoro degli “assenteisti” o dei furbi a qualsiasi titolo.

Negli ambienti di lavoro, quasi sempre, i dipendenti conoscono esattamente i “vizi” dei colleghi ma c’è una forte tendenza della dirigenza (anche qui, non di tutta la dirigenza) di estraniarsi da questo tipo di problemi, di non vedere cosa succede nel proprio ufficio finché qualche esterno (ad esempio Forze dell’Ordine) rileva i problemi.

I dirigenti fanno (quasi) sempre finta di non vedere o di non sapere anche quando le situazioni sono troppo evidenti.

Di contro altri dirigenti si comportano come fossero Monarchi con pieni poteri.

Ci sono anche dirigenti equilibrati che gestiscono nel migliore dei modi il proprio ufficio.

La nostra Federazione non ha mai difeso, e non vuole farlo, i “furbetti” ma difende a gran voce la stragrande maggioranza dei lavoratori pubblici grazie ai quali la nostra Pubblica Amministrazione rende il miglior servizio ai cittadini.

Non posso fare a meno di sottolineare che i dipendenti pubblici:

  • Hanno il contratto bloccato dal 2010 e le prospettive di rinnovo sono per una manciata di euro;
  • È stata necessaria una Sentenza della Corte Costituzionale per riparlare di rinnovo contrattuale;
  • La vera premialità è ancora un sogno, anche della nostra Federazione che la chiede da sempre.

All’On. Brunetta ho il dovere di spendere qualche parola di replica sui dipendenti giudiziari perché si è rivelato, ancora una volta, un non conoscitore della realtà della quale parla.

On. Brunetta non credo sappia, e glielo diciamo, che nel Ministero della Giustizia:

  • Da molti anni le assunzioni del personale sono scarsissime a fronte di costanti assunzioni di personale di magistratura;
  • Il personale svolge attività di assistenza in udienza che, in moltissimi casi, superano le 9 ore giornaliere con un compenso per lavoro straordinario che non arriva o arriva dopo anni (senza interessi né rivalutazione monetaria);
  • I fondi del lavoro straordinario sono pochissimi e la quota maggiore viene sottratta (unico caso tra tutti i Ministeri) dal Fondo Unico Amministrazione, quindi dal Fondo dei lavoratori, già scarsissimo;
  • La Banca Ore esiste contrattualmente dal 2000, nel Ministero della Giustizia non è stata ancora attuata;
  • Molti dipendenti fanno turni e reperibilità nei giorni festivi (domeniche, Natale, Capodanno, Pasqua ecc.) ricevendo (a distanza di anni) indennità inferiori a dipendenti privati;
  • Da oltre 22 anni non si è riusciti ad attuare delle vere procedure di riqualificazione del personale;
  • Da molti anni la nostra Federazione chiede di internalizzare le competenze che sono state attribuite ad Equitalia Giustizia da una legge del 2008, evitando di pagare l’aggio a Società esterne e premiando i dipendenti. Mi faccia verificare, On. Brunetta, chi governava il nostro bel Paese in quegli anni? Chi c’era tra i Ministri della nostra Repubblica?

Se vuole, On. Brunetta, posso ancora continuare ma preferisco fermarmi qui, ammettendo che anche nel Ministero della Giustizia, come in Parlamento ed in qualsiasi posto di lavoro, ci sono le “mele marce” ed è compito di tutti noi attivarci per eliminarle affinché tutte le altre “mele” vengano apprezzate al meglio da tutti per il lavoro svolto e per l’impegno profuso quotidianamente.

Cordiali saluti.

Segretario Generale

(Claudia Ratti)

 segui le nostre iniziative anche sul sito

Saluti Giovanni Orefice.

Read More
TOP

Offerte di Lavoro e Bandi di Concorso della Settimana [2_16]

download   login-logo

Offerte di Lavoro e Bandi di Concorso della Settimana [2_16]

Saluti Giovanni Orefice.

Read More
TOP

Ministero della Difesa – Convocazione FUA 2015

login-logo

Ministero della Difesa 

Lettera di convocazione di PERSOCIV

Saluti Giovanni Orefice.

 

Read More
TOP

Newsletter di Concorsi_it (N_ 02-16)

download  login-logo

 

Newsletter di Concorsi_it (N_ 02-16)

Saluti Giovanni Orefice.

Read More
TOP

MINISTERO DELLA DIFESA – Tutela maternità,paternità-modifiche legislative

login-logo

MINISTERO DELLA DIFESA

CircPersociv1937-14.01.2016-tutela.maternità.paternità-modifiche.legislative

Saluti Giovanni Orefice.

Read More